NOMAD HOTEL: una fantasia artistica ed aristocratica

A Mid Town Manhattan c’è un palazzo che ha preso il proprio nome dal quartiere su cui sorge: il Nomad Hotel.

La zona “North of Madison Square Park“, tra la Fifth e Lexington, viene chiamata NoMad, non solo perché è la sua abbreviazione, ma anche per lo stile di vita di vita degli abitanti della zona. Un tempo zona di poco spicco, ora è un quartiere ricco di locali ed eventi artistici.

The Nomad Hotel
The Nomad Hotel

All’incrocio tra la 28th St e la Broadway si sviluppa il Johnston Building costruito nel 1900 e rivestito in pietra calcarea e decorazioni; un edificio storico in stile Beaux-Art e un lussuoso hotel d’ispirazione parigina, riportato al suo splendore dall’intervento del designer francese Jacques Garcia.

Hall, Nomad Hotel
Hall, Nomad Hotel

Concepito da Andrew Zolberr, sviluppatore del vicino Ace Hotel, il Nomad ha una facciata di 12 piani, un fascino Bohemien con interni opulenti ma intimi.

The Lodge Bar, Nomad Hotel
The Lodge Bar, Nomad Hotel

Rifacendosi allo stile Portland-Europa antica, gli ambienti comuni, come la hall, il salotto e la sala da pranzo, hanno tappeti persiani sbiaditi, arazzi e un caminetto di 200 anni portato direttamente dalla Francia. Il ristorante è costituito da stanze separate, alcune con caminetto e una biblioteca che si sviluppa su due livelli. Il lodge bar ha un bancone in mogano lungo 7,5 metri; sedie e sgabelli di pelle, legno per i pavimenti con uno stile eclettico e un tono residenziale di lusso.

The Nomad Hotel
The Nomad Hotel

Le camere sono eleganti con pavimento in parquet e quadri originali, tappeti realizzati a mano e letti italiani. Si tratta di stanze di 103 metri quadrati, con molto spazio attorno al letto rigorosamente king size; una scrivania di legno di mogano, e una tv a schermo piatto. I bagni sono frutto di un gioco di spazi: la camera classic è divisa in due zone: una per il lavandino aperto alla stanza e per la doccia adiacente, in vetro; mentre il bagno è chiuso in un armadio appena si entra nella stanza.

Room, The Nomad Hotel
Room, The Nomad Hotel

Le suite offrono finestre sulla baia, soggiorno aggiuntivo, ed alcune sistemazioni hanno la vasca da bagno retrò in stile impero con i piedini, e vista sulla città. Le pareti sono damascate.

Room, The Nomad Hotel
Room, The Nomad Hotel

Uno dei Boutique Hotel più belli di Manhattan, che richiama i classici grand Hotel Europei ma con una forte identità NewYorkese: una fantasia artistica e aristocratica.

 

 

 

Posted by

Interior Designer, Operatrice del Turismo Culturale, Artista

One thought on “NOMAD HOTEL: una fantasia artistica ed aristocratica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *